Il giovane prodigio Mattia Furlani spacca il record: un incredibile salto di 8.34 metri!

Il giovane prodigio Mattia Furlani spacca il record: un incredibile salto di 8.34 metri!
Mattia Furlani

Nell’ambiente dell’atletica leggera, la parola “straordinario” viene usata spesso, ma ciò che Mattia Furlani ha realizzato ieri ai Campionati Italiani Indoor merita una definizione ancora più enfatica. Il giovane talento, appena diciannovenne, ha lasciato il pubblico e gli addetti ai lavori a bocca aperta, volando fino a 8.34 metri, un balzo che lo catapulta direttamente in cima alle classifiche mondiali stagionali di salto in lungo.

Mattia Furlani: battuto il record di Howe

La performance di Furlani al PalaCasali di Ancona non è stata solo una dimostrazione di forza bruta e tecnica raffinata, ma ha rappresentato anche un momento storico per l’atletica italiana: il suo salto ha infatti migliorato di quattro centimetri il record nazionale al coperto, detenuto per diciassette lunghi anni da Andrew Howe. Ma ciò che rende ancora più impressionante questo risultato è che Furlani si è fermato a soli un centimetro dal record mondiale under 20, stabilendo il miglior risultato di categoria al coperto.

Battuto anche il suo record personale

La sua ascesa è stata meteorica, con un miglioramento di 28 centimetri rispetto alla sua precedente prestazione indoor (8.08 metri, raggiunta due settimane fa a Stoccolma) e un incremento di 10 centimetri sul suo miglior salto all’aperto, che lo aveva visto trionfare al Meeting di Hengelo l’anno scorso con 8.24 metri, senza dimenticare il ventoso 8.44 a Savona.

I “rivali” di Mattia Furlani

Il talento di Furlani non conosce rivali, se non forse il giamaicano Wayne Pinnock, anch’egli autore di un salto da 8.34 metri lo scorso 2 febbraio ad Albuquerque. Nonostante le prestazioni degli altri atleti ai Campionati Nazionali Statunitensi, dove Johnyy Brackins ha primeggiato con 8.23 metri, il giovane laziale si appresta a essere uno dei favoriti indiscussi per i prossimi Mondiali Indoor a Glasgow.

Tra i suoi avversari di spicco ci saranno sicuramente Pinnock e Carey McLeod, ma anche gli atleti provenienti dagli Stati Uniti e il campione olimpico e mondiale Miltiadis Tentoglou, che, nonostante un inizio stagionale più lento, rimane una minaccia costante per il podio.

In un panorama così competitivo, Mattia Furlani si è già guadagnato un posto nell’olimpo dell’atletica mondiale, promettendo scintille per le competizioni future. La sua impresa di Ancona non sarà facilmente dimenticata, segnando l’inizio di una nuova era per il salto in lungo italiano e mondiale, con gli occhi del mondo puntati su questo straordinario atleta che, passo dopo passo, salto dopo salto, sta riscrivendo la storia dello sport.

Lista mondiale stagionale salto in lungo

1. Mattia Furlani (Italia) 8.34 metri (17 febbraio, Ancona)

1. Wayne Pinnock (Giamaica) 8.34 metri (2 febbraio, Albuquerque)

3. Johnny Brackins (USA) 8.23 metri (17 febbraio, Albuquerque)

4. Carey McLeod (Giamaica) 8.20 metri (4 febbraio, Boston)

4. Jeremiah Davis (USA) 8.20 metri (9 febbraio, Clemson)

6. Simon Batz (Germania) 8.18 metri (9 febbraio, Lione)

7. Malcolm Clemons (USA) 8.17 metri (9 febbraio, Fayeteville)

8. Arnovis Dalmero (Colombia) 8.16 metri (25 gennaio, Cochabamba)

9. Tajay Gayle (Giamaica) 8.15 metri (9 febbraio, Fayetteville)

10. Miltiadis Tentoglou (Grecia) 8.09 metri (30 gennaio, Ostrava)