Site icon Running4Passion

Il sogno olimpico di Filippo Tortu: oro a Parigi!

Filippo Tortu

Filippo Tortu

Parigi è il sogno ricorrente di Filippo Tortu, un’ossessione che lo tiene sveglio di notte. L’attesa non sempre è piacere, ma l’eccitazione di ciò che riserverà il domani colorato di un oro intenso, come a Tokyo, alimenta la sua determinazione.

Il 2023 è stato un anno di apprendimento per Tortu, con l’argento conquistato ai mondiali nella 4×100 che ha nascosto le difficoltà patite nei 200 metri. Un materiale su cui lavorare per ritrovare le sensazioni migliori.

Le lezioni del 2023: “Il mio corpo è in evoluzione”

Olimpiadi ed Europei del 2024 segnano uno spartiacque nella carriera di Filippo Tortu, che, intervistato da OA Sport, rivela di aver raggiunto la piena maturità sportiva. Attualmente, il suo unico pensiero è concentrarsi sull’allenamento, lavorando con continuità e soddisfacente nei risultati. L’anno passato è stato complicato a causa di problemi in allenamento e di un infortunio alla spalla, ma questi ostacoli hanno portato nuove esperienze.

E ha aggiunto: “È stata una prima volta anche per me: pur avendo ormai raggiunto una discreta esperienza, ho dovuto convivere con situazioni e sensazioni mai provate prima. E poi l’infortunio alla spalla che ho rimediato dopo aver vinto la gara dei 200 agli italiani (s’infortunò di fatto esultando un po’ troppo energicamente) ancora me lo porto dietro, ma ha rappresentato un segnale di come le cose non sempre girano per il verso giusto. Aver fatto il minimo sui 200 per andare a Parigi è stato l’unico barlume di luce, mentre con la staffetta sento di essere davvero nel pieno della maturazione.”

Il grande sogno di Filippo Tortu: “A Parigi per vincere”

Il grande sogno di Filippo Tortu è ripetere l’exploit di Tokyo con la 4×100 a Parigi, ma sa che non sarà semplice. Il segnale di un futuro promettente è arrivato a Budapest, con la lotta per le medaglie aperta. Nonostante gli Stati Uniti siano forti, Tortu vede vulnerabilità nei cambi e sente un cambiamento personale, facendo fatica nel lanciato ma adattandosi al suo evolversi fisico.

Gli obiettivi da raggiungere

Il 2024 è un anno di nuovi traguardi per Tortu, che ha delineato chiari obiettivi: la decisione di saltare la stagione indoor per focalizzarsi sulle competizioni estive, preparandosi con determinazione per i mondiali di staffetta previsti a maggio. Agli Europei, mira all’oro nei 200 metri, lasciandosi alle spalle le sfide incontrate in passato. Questo segna un capitolo importante nella sua carriera, con una strategia ben definita per affrontare le sfide e crescere come atleta.

Nonostante Hughes sia l’uomo da battere, Tortu non firmerà per un argento. A Parigi, l’obiettivo sarà conquistare almeno la finale olimpica, ma la priorità rimarrà la conferma con la staffetta. La squadra è unita, divertendosi in allenamento e fuori pista. Nonostante la pressione e gli occhi puntati, cercheranno di dimostrare di meritare ancora credito e fiducia.

Exit mobile version