Site icon Running4Passion

La storia toccante di Caster Semenya: combattere per l’uguaglianza!

Caster Semenya

Caster Semenya

Caster Semenya, la famosa mezzofondista sudafricana affetta da iperandrogenismo, ha recentemente condiviso la sua risoluzione di “lottare” in difesa delle donne, in un’intervista con la BBC. Semenya ha espresso il suo desiderio di non provare vergogna per la sua diversità, sottolineando quanto sia decisa a sostenere la causa femminile, spesso trascurata dalle autorità sportive.

Campionessa olimpica per due volte, nel 2012 e nel 2016, e vincitrice di tre titoli mondiali negli 800 metri, Caster Semenya, 32 anni, si è trovata esclusa dalla sua specialità sportiva preferita. Questa decisione è stata presa in seguito al suo rifiuto di sottoporsi a trattamenti ormonali volti a ridurre i suoi livelli di testosterone. Nel mese di luglio, la Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) ha stabilito che Semenya era stata vittima di discriminazione in prima istanza.

La mezzofondista sudafricana ha dichiarato con sicurezza di non voler provare vergogna per la sua diversità. Ha ribadito che non le interessano le definizioni mediche e le etichette. Nonostante sia nata senza utero e con testicoli interni, Semenya rifiuta l’idea di essere meno donna a causa di queste differenze biologiche. Invece, le accoglie come parte della sua identità e non permetterà che la sua diversità la faccia sentire meno dignitosa.

La condizione di Semenya è caratterizzata da un eccesso naturale di ormoni sessuali maschili. Da oltre un decennio, ha intrapreso una strenua battaglia legale contro la Federazione Internazionale di Atletica Leggera (World Athletics, precedentemente nota come IAAF). Questa organizzazione le ha impedito di competere negli 800 metri a causa delle sue caratteristiche biologiche uniche.

Il Tribunale arbitrale dello Sport (Tas), con il supporto del sistema giudiziario svizzero, ha confermato questa restrizione. Tuttavia, Semenya ha portato il suo caso davanti alla Cedu, che ha emesso una sentenza favorevole. Nonostante ciò, la decisione non ha invalidato le regole globali dell’atletica leggera e non ha aperto la strada al suo ritorno alla competizione negli 800 metri senza la necessità di trattamenti ormonali. Inoltre, le autorità svizzere hanno ottenuto il rinvio del caso alla Grande Camera della Cedu, un organo di appello le cui decisioni sono considerate definitive.

Semenya ha enfatizzato che questa battaglia legale è la ragione per cui sta lottando per la causa dello sport femminile. Ha dichiarato che il suo futuro sarà incentrato sulla lotta contro l’ingiustizia, la promozione dell’inclusione e la celebrazione della diversità. Nonostante abbia ottenuto successi straordinari nello sport, il suo obiettivo attuale è quello di dare potere alle donne e garantire loro una voce autentica.

In conclusione, Caster Semenya è un esempio di determinazione e coraggio, affrontando con fermezza le sfide poste dalla sua condizione medica e dalle regole sportive. La sua dedizione alla causa delle donne nello sport, all’inclusione e alla celebrazione della diversità continua a ispirare molte persone in tutto il mondo.

Exit mobile version